11 dicembre: uno sciopero necessario

dicembre 10, 2009 § 1 Commento

Lo sciopero dell’11 dicembre è un atto di onestà da parte di chi crede nella Scuola come sistema valoriale e come presidio di conoscenza.
La verità è che stanno cercando di affossare la scuola pubblica in tutti i modi, minando la credibilità e la dignità di chi lavora al suo interno e facendo in modo che si trasformi in un altro organismo apparato di uno stato centralista, accentratore e totalizzante.
C’è ancora chi crede all’autonomia della Scuola, chi crede che la Scuola debba configurarsi come un insieme di persone coordinate e coinvolte in un unico progetto formativo; c’è chi crede ancora che valga la pena investire nella Scuola magari a scapito di presunte missioni di pace nel mondo ed altri contingenti militari.
Se c’è ancora chi crede in questo e soprattutto nella Scuola come un insieme di persone e non di target, numeri, statistiche irrilevanti perché non congrue con lo statuto stesso della Scuola, allora domani è proprio il momento di far sentire la propria voce.

« Leggi il seguito di questo articolo »

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per dicembre, 2009 su cattivi pensieri di cattivi maestri.